«Istrice»

«Istrice» è un modo di dire: la bellezza indolente non si scalfisce, l’allontanamento del gesto e dello sguardo sa di umana esitazione – ma lei non esita, e allo stesso tempo non è sfrontata; solo guarda, guarda, guarda…

 

Istrice, China, 2016
Istrice, China, 2016

 

Istrice, China, 2016 - particolare
Istrice, China, 2016 – particolare

 

Istrice, China, 2016 - particolare
Istrice, China, 2016 – particolare

 

 

 

Morgana

Il 31 ottobre è un giorno di fine anno: l’autunno è al suo apogèo e le tradizioni celebrano il ricordo delle vite passate, la consapevolezza di un tempo che fa il suo giro e la leggera speranza di un mondo ‘oltre’. Si pensa alla Morte.

Alcune storie del mondo suggeriscono: il passato si è chiuso: accettiamolo e, da vivi, stiamo in pace; altre, al contrario, ispirano l’affetto profondo e un desiderio: più che mai mi ricordo di quella persona … poterla rivedere, abbracciare.

Nelle storie di Artù, che sono vicende leggendarie dai contorni sfumati, il re Artù morente viene trasportato dalla sua sorellastra Morgana in Avalon, l’isola della felicità – o l’isola dei morti.

Lì riposerà in pace. Non si sa se lo farà rinato uomo nuovo e forte, o trasformato in anima di eroe, immortale e beato.

Morgana, China, 2015
Morgana, China, 2015

 

 

Rising

La foresta cresce, il buio si infittisce.

Le betulle hanno il suono del sospiro e promettono un nuovo Valhalla.

Valhalla rising.

Rising, China, 2015
Rising, China, 2015

 

P.S. La tecnica è il puntinato a rapidograph ‘capillare’ 0.10.

‘Valhalla Rising’ è anche il titolo di un film, vedi qui